Hamad, un berbero nel Fashion-Sistem

Un ragazzo nato in America da padre marocchino e madre libanese, questo è Hamad, che ha compiuto da poco 25 anni ed è al top della sua carriera come modello. Il ranking Model Top 50 lo vede 2° a livello mondiale. Quindi non scherza. Ha scelto bene le sue Agenzie, a partire dalla Ford newyorkese, che lo ha lanciato a livello internazionale, poi la Success parigina, la Nevs di Londra, D’management nella nostra Milano e alla Viva Berlin nella capitale tedesca. Hamad a 18 anni lascia la casa di famiglia nell’Erlanger e inizia a lavorare come parcheggiatore, subito dopo in alcuni locali alla moda come il Tropicana, il Jeff Ruby’s e l’Exchange. In quel periodo esce con gli amici e frequenta la notte di King Island, come tutti i ragazzi della sua età, a caccia di ragazze. In una di queste di notti viene eletto Hot Guy dalla discoteca che frequenta regolarmente e da qui inizia la sua scalata. L’Agenzia WING Management, nella figura di Jake Lang, intravede nel ragazzo un potenziale enorme e quindi viene immediatamente messo sotto contratto in esclusiva. Nel maggio 2008 un prestigioso concorso sponsorizzato da Ford e da VMan Magazine lo vede tra i tre finalisti del Contest, su 3.000 partecipanti. Due mesi dopo, luglio 2008, è a Milano per la presentazione di Calvin Klein che lo vuole in esclusiva sino alla p/e 2010. Gli addetti ai lavori bisbigliano che è stato un terno al lotto scommettere su di lui. Ed è vero; Jake Lang è stato lungimirante. Da quella sfilata un crescendo: Frankie Morello, Vogue Uomo, GQ, Levi’s, Roberto Cavalli, Clavin Klein, Perry Ellis, Arena, Dolce e Gabbana, ecc… Il giovane arabo, classe da vendere, sulle passerelle si muove come un elegante felino, è entrato dalla porta principale nel circuito fashion mondiale, scavalcando una concorrenza aguerritissima e sterminata .Oggi il suo cachet si aggira tra i 250 e 500 euro all’ora, niente male per un giovane 25enne. Il suo sogno nel cassetto: aprire un ristorante nella dowtown di Cincinnati e diventare attore per interpretare il prossimo James Bond. Idee chiare e lungimiranti per Ahmad che, dopo uno shooting nel deserto dell’Erg Chebbi per una griffe americana, ne è rimasto folgorato, colpito dalle sue radici arabe che stanno qui, in Marocco. E’ evidente che i caratteri somatici di questo ragazzo sono più che arabi sicuramente berberi: non di rado si incontrano berberi in Marocco con occhi azzurri o verdi con una carnagione chiara, come quella appunto di Hamad Jalal Abualrub. Tra i giovani marocchini Hamad è una icona da imitare ovviamente: giovane di successo, ricco, viaggiatore in ogni angolo del mondo e tante ragazze ai suoi piedi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...