La circoncisione in Marocco

Una musica allegra fatta da percussioni e trombe avvisa del passaggio di qualcuno…qualcuno di importante..ti affacci alla porta e dal vicolo stretto e anonimo ti appare, come per magia, una scena da film, da racconto delle Mille e una notte. Un corteo di musicanti vestiti con candidi jellaba bianchi in testa alla parata, subito dopo uno splendido cavallo bianco bardato in oro e rosso con in sella un giovane uomo che stringe a se un infante, vestiti di bianco come la neve, in contrasto con la loro pelle scura. E poi un susseguirsi di bambini che cercano di arrivare per primi alle caramelle che vengono gettate dai due cavalieri. E poi ancora risa, urli e canti che coinvolgono prima tutta la strada, poi il quartiere intero. Questa è la circoncisione vista dal di fuori, ma non è mai una festa per il bambino. Praticata esclusivamente per ragioni religiose, la circoncisione concerne tutti i marocchini. Tecniche tradizionali e medicina moderna si dividono un mercato milionario, in nome del Corano. Se bisogna cercare un denominatore comune a tutti i marocchini di sesso maschile, di sicuro é la circonsione, salvo casi rari nessun maschio puo’ scappare. Moktar Bourak è  un “Hajjam“, di padre in figlio, da generazioni. Una sorta di barbiere polivalente che pratica indifferentemente l’estrazione dei denti, i salassi e la circoncisione. Il “mestiere” l’ha  appreso sul campo e, a 70 anni, riesce ancora a circoncidere i bambini ed averli come primi pazienti. Questo avviene a Derb Chorfa, quartiere popolare di Casablanca dove quasi tutta la popolazione maschile è passata tra le sue mani esperte. I veri Hajjam vantano un punto di onore e professionalità dichiarando la disinfezione degli utensili, essenzialmente delle forbici, con acqua di Javel (comune candeggina da pavimenti). Dichiarano anche di effettuare visite post-operatorie e di prescrivere i medicinali, in caso di piccole complicazioni. Mai parlare però di anestesia, non è una cosa naturale! Il Sign. Bourak nel momento di massimo splendore della sua carriera riusciva a circoncidere anche 50 bambini in una sola giornata: questo succedeva negli anni ’80. “Le autorità in quel periodo organizzavano delle campagne di circonsione in grande stile in occasione di feste nazionali o religiose“, racconta con un filo di nostalgia.  A titolo di aneddoto: per valutare il lavoro di ognuno, il capo della corporazione degli Hajjama, a fine giornata, procedeva alla conta dei prepuzi tagliati per ogni Hajjam! Quell’età d’oro (!) non esiste più oggi e Mokhtar pratica raramente circonsioni intensive e comunque sono sempre più rare. Questo da quando le autorità locali preferiscono inviare nelle zone rurali e disagiate  medici e infermieri professionisti in questo tipo di operazione. I marocchini preferiscono sempre di più rivolgersi al bisturi del chirurgo in ospedali pubblici. Il Dott. Abdellah Bouchta, specialista in chirurgia plastica e riparatrice dichiara che il prezzo é comunque accessibili, circa 70 Euro ad intervento e, nel caso di famiglie disagiate il prezzo scende a 18 euro, a condizione di presentare un certificato di indigenza. Ovviamente negli ospedali la tecnica cambia: visita preoperatoria, strumenti sterili, anestesia generale o locale secondo i casi. “Con un anestesia il bambino non si agita quindi è più facile procedere all’operazione ed evitare nel contempo complicazioni” sottolinea il Dott.Bouchta che condanna da sempre la circonsione all'”antica”. Un chirurgo di una clinica privata di Marrakech tende a sottolineare quanto sia importante non sottovalutare il dolore e lo chock subiti dal bambino che, occasionalmente possono avere delle conseguenze psicologiche a lungo termine. Non è per niente che nella tradizione marocchina, la circoncisione è da sempre accompagnata da una grande festa, con musica e cavallo da parata per cercare di attenuare la sofferenza del bambino.  Oggi comunque questa tradizione sta cambiando e i genitori, anziché pagare cavallo e festeggiamenti, preferiscono dare i soldi ad una clinica privata ( sempre più cara del cavallo ma a favore del bambino). L’intervento dura all’incirca 10 minuti ma non è mai un intervento banale, resta un atto medico che esige dei tecnici e una preparazione particolare. Il Dott. Lahbabi, chirurgo al Policlinico CNSS del quartiere Bernoussi di Casablanca attacca gli “Hajjama” con queste parole:” Gli Hajjama non sono in grado di far fronte a complicazioni serie, come emoraggie o infezioni e, ancor prima di questo, non hanno nessun tipo di formazione nella pratica e nella assistenza medicale“. Pertanto la CNSS (Ente Mutualistico) come altre Assicurazione persistono nel non considerare la circoncisione come un atto medico ma come un rituale e, in effetti, questo intervento non è rimborsabile. La cosa più scandalosa rimane comunque il fatto che mai nessun Hajjam é stato perseguito dalla legge in caso di complicazioni gravi e decessi e ancor più scandaloso, riferisce un praticante laureato, che l’Ordine dei medici non ha mai fatto nulla contro questa abberrazione. Dio ordinò ad Abramo di circoncidersi. Dopo di lui i suoi bambini, iniziando da Ismaele, 13 anni, per finire con Isacco, 8 giorni di vita. Questa sarà la differenza di età che distinguerà il rito ebraico da quello musulmano, in materia di circonsione. La pratica era già conosciuta nell’Arabia pre-islam, prima di essere ricondotta negli usi tradizionali islamici, anche se di tutto questo non vi è  alcuna menzione di obbligo nel Corano. Un sociologo spiega anche che questa pratica costituisce una tappa importante nella vita dei bambini di sesso maschile, parimenti al battesimo o al matrimonio. L’uso tradizionale di accompagnare la circoncisione con una cerimonia è l’occasione per i genitori di mostrare all’entourage parentale che il loro bambino sta diventando uomo. Sempre più raro è  vedere un bambino a cavallo davanti ad un ospedale o ad una clinica privata, pratica che nella caotiche città marocchina sta diventando impensabile a farsi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...