Martin Scorzese, un mostro sacro a Marrakech

martinUn film è l’espressione di una visione unica, più e personale e più si approccia allo status d’opera d’arte”. Opere d’arte, Martin Scorzese ne ha realizzate diverse, se si crede ai tanti premi ottenuti dalla critica internazionale a suo riguardo. Il piccolo Martin nato a Flushing (New York), nel novembre 1942, non sapeva che sarebbe diventato un giorno uno dei registi più famosi  del mondo. La sua gioventù nel quartiere di Little Italy, tra giornate in attesa e fantastici sogni. In seno alla famiglia, siciliana cattolica, sviluppa una fede profonda che lo destina ad una vita religiosa in seguito tralasciata. Questo interesse per la religione Martin Scorzese lo traduce nei suo controverso lungometraggio  “L’ultima tentazione di Cristo”  (1988). Il regista conosce bene Marrakech e il Marocco dove ha girato due dei suoi film, il sopracitato L’ultima tentazione di Cristo e Kundun. Presente al Festival Internazionale del Film nel 2005 a Marrakech venne decorato da SAR Mohammed VI con un merito “intellettuale”. Due anni dopo, ritornò con Di Caprio per presentare Aviator sulla Place Jemaa el Fna. Quest’ anno sarà il Presidente della Giuria del FIFM  dopo John Boorman nel 2012. Una nomina accolta con gioia e con queste parole: “Ho fatto due films in Marocco che mi hanno permesso di ammirare lo spirito del popolo marocchino e la bellezza della sua cultura. Sono curioso di scoprire i films in concorso che arriveranno da tutto il mondo e presentati in questo Festival unico”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...