Ramadan, Inciviltà e Aggressività

aggresSono le 16.30 di un giorno qualunque di questo mese sacro, quando una violenta rissa si accende nel quartiere dell’Oasisi a Casablanca. Dopo qualche minuto di insulti verbali  i due uomini, sulla trentina, passano rapidamente alle mani. Troppo rapidamente  forse. Scene come queste sono visibili a decine in queste giornate di Ramadan in tutto il paese. È quasi normale assistere a diverbi tra automobilisti sulla strada, ovunque nel mondo, nelle principali ore di punta, ma questa aggressività raggiunge l’apice durante il mese sacro. Se il Ramadan è incensato come un mese di condivisione con gli altri, le aggressioni  con armi bianche, le ingiurie e altri comportamenti non civili, sono parte del quotidiano per un importante numero di persone.  “Amo l’atmosfera del Ramadan”, spiega Adnan, uno studente di ingegneria; durante tutto l’anno, il giovane uomo di 23 anni studia in Spagna ed è durante il mese sacro che ritorna a casa. Per me, niente è più importante di partecipare allo F’tour in famiglia e le uscita ramadanesche con gli amici alla sera.  Alla sera mi diverto veramente e questo mi permette di ricaricare le batterie per poter andare avanti per tutto l’anno”, aggiunge Adnan  precisando che “non ama uscire di giorno durante il Ramadan perchè afferma che molte persone hanno due volti distinti e quindi è impossibile uscire.  “Resto chiuso in casa, perchè troppo spesso assisto a discussioni e risse nelle strade. Alcuni diventano molto volgari e non capisco come sia possibile un simile comportamento durante il Ramadan, per me non è un “tramdina”, semplicemente si tratta di stupidità”, termina laconico il giovane ingegnere. Secondo gli psicologi, una persona che è “mramdan” soffre di astinenza che lo rende irritabile e violento, creando seri problemi di gestione al suo entourage. Questo stato è dovuto alla mancanza di cibo e d’acqua, al tabacco, quindi astinenza forzata. Il ritorno alla normalità avviene semplicemente e progressivamente dopo la rottura del digiuno, lo F’tour. Esistono diverse categorie  in questi soggetti ma la più riscontrate è quella dei  fumatori, in particolare chi fuma più di dieci sigarette al giorno. Come attestano i pneumologi, la nicotina può giocare negativamente sul sistema nervoso di questi soggetti. La nicotina inoltre ha un un effetto nocivo o eccitante secondo lo stato in cui si trova il soggetto digiunante e secondo la quantità di nicotina che viene assorbita quotidianamente. Da questa astinenza esistono molteplici casi di violenzaoccasionale” che si manifestano durante il mese sacro del Ramadan. agressQuesti soggetti utilizzano il periodo di digiuno come pretesto per scaricare i loro rancori, giocando sulla tolleranza dei loro interlocutori. Numerose sono le persone che credono che la collera sia la pura conseguenza del digiuno, quando i reali segnali della fame hanno inizio nello stomaco, accanto alla fatica o alla cattiva concentrazione. Sfortunatamente gli ospedali sono i primi testimoni di questi fenomeni. In effetti, “durante il Ramadan, i feriti affluiscono in maniera enorme, nei pronto soccorso delle città”, confida Douina, un’infermiera di 32 anni. “Ho riscontrato che molte persone cambiano durante il Ramadan, ma tutto si è decuplicato da quando lavoro in ospedale; ogni giorno devo farmi forza davanti ad un corollario di insulti e si registra un netto aumento delle vittime di aggressione con armi bianche”, dichiara la donna ad un noto quotidiano marocchino. Conclude l’intervista affermando che:  “a  volte avrei voglia di gridare o di mollare tutto ed andarmene e ad ogni Ramadan mi chiedo perchè non vado in vacanza.”

Credit: Le Matin – Lamiaâ Khalloufi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...