Sodoma e Gomorocco

sidialiIl Moussem di Sidi Ben Hamdouch si svolgerà quest’anno sotto il controllo stretto e ferreo della gendermeria reale (si sente odore di PJD, il partito islamista al governo,  in questa operazione). Il quotidiano arabofono Akhbar Al Yaoum riporta nell’edizione di ieri che è stato ordinato ai gendarmi di operare dei controlli per evitare che la cerimonia per il marabout Sidi Ali Ben Hamdouch non si trasformi in un gay pride. Eletto loro santo patrono dagli omosessuali marocchini, il mausoleo di Sidi Ali Ben Hamdouch diventa per l’occasione, secondo testimoni oculari e articoli riportati dai giornali, un luogo dove si svolgono riti sodomiti e orge in pubblico. Un giornalista scrisse a suo tempo, prima dello scandalo dei matrimoni omosessuali di Ksar El Kebir e di Sidi Ali che portò all’arresto di decine di omosessuali e simpatizzanti : ” Durante tutta la durata del Moussem, le coppie omosessuali passeggiano tenendosi per mano. Alcuni sono riconoscibili dai loro ancheggiamenti nel camminare e dai loro gesti spiccatamente femminili. Altri, si fanno riconoscere dagi abiti aderenti, i loro fondotinta o ancora dal profumo che si sente da lontano. Altri ancora, tatuati con l’hennè, indossano bijoux e fanno di tutto per non passare inosservati. Qui, il tabù della relazione omosessuale in Marocco è bruciato. Il tempo di un Moussem e Sidi Ali diventa un corridoio di eccezione culturale in Marocco“. Sempre secondo il quotidiano marocchino Akhbar Al Yaoum, la gendarmeria ha ispezionato la località El Mghassien, mettendo sotto sopra  le camere delle case che vengono date in affitto per l’occasione, invitando (obbligando) tutti i proprietari, prima di affittare i loro domicili, a esigere dagli affittuari la copia della loro carta nazionale e presentarla alle autorità locali. Sono molte le spiegazioni per questo raggruppamento di omosessuali marocchini al mausoleo di Sidi Ali Ben Hamdouch ; la più probabile è una credenza che racconta la storia di questo marabout quando era in vita, eremita presso El Mghasieen e guardiano di un albero chiamato “Albero di Lalla Aïcha“, una santa donna idolatrata dagli omossessuali marocchini come la loro santa patrona. La leggenda popolare racconta che una notte Lalla Aicha dormiva sola sotto la sua tenda, quando venne aggredita da uno sconosciuto che voleva violentarla. Per grazia divina Lalla Aïcha si trasformò in un uomo con la barba, forte e robusto, con un pene che distrusse (letteralmente) l’agressore. Il comune di El Mghasieen conta 4.000 abitanti che vivono grazie ai ricavi economici del moussem di Sidi Ali Ben Hamdouche, durante il quale vengono affittate camere, aperti piccoli ristoranti e si vendono animali usati per i sacrifici al mausoleo.

sidiali1

Credits: EMarrakech.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...