Marocco: riforma della legge 473 C.P. sugli stupri.

violenzaMustapha Ramid, ministro della Giustizia marocchina, ha approvato lunedì scorso la riforma verso l’abrograzione del secondo comma dell’articolo 474 del codice penale, in virtù del quale un violentatore non è soggetto a pene se sposa la sua vittima. Questa riforma, proposta da alcuni deputati della camera dei Consiglieri, prevede la soppressione definitiva dell’articolo in questione. Il Ministero della Giustizia ha indicato in un comuncato che il violentatore rischia da 10 a 30 anni di prigione, contro i 5 attuali. Un violentatore riconosciuto colpevole, non potrà dunque sfuggire al giudizio penale sposando la sua vittima. Il progetto di riforma, è stato oggetto di un dibattito acceso in seno alla commissione della giustizia, della legislazione e da alcuni esponenti del Diritti dell’Uomo alla Camera dei Consiglieri, per arrivare ad essere approvato all’unanimità. Una volta che il testo sarà adottato dalle due camere del Parlamento, sarà sottomesso al segretario generale del governo per ottenere poi l’avvallo del Re Mohammed VI. Nel marzo 2012, Amina Filali, adolescente di 16 anni, sposata con forza al suo violentatore, si suicidò nella regione di Larache. Il suo gesto di disperazione causò una forte emozione in Marocco, e da qui la richesta per l’abrogazione dell’articolo 475. Mi domando soltanto se era il caso di arrivare sino a questo punto, parliamo del 2012 quando avvenne l’ultimo caso di sucidio, per chiedere l’annullamento di una legge così medioevale e odiosa?   

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...