Islamisti in Marocco: perchè un tale successo?

Marocchini alle urne

I risultati definitivi delle elezioni legislative in Marocco hanno consacrato la vittoria schiacciante degli islamisti del Partito della Giustizia e dello Sviluppo (PJD). Molti osservatori hanno interpretato questa vittoria come un effetto dell’onda d’urto generata dal Partito Ennadha in Tunisia. Ad ogni buon conto, l’eco di questa vittoria (1/3 dei seggi alla Camera dei Rappresentanti) sorpassa il semplice effetto “riflesso”. Interessante l’analisi di Hicham El Moussazi, analista politico per unmondelibre.com, che sviluppa le altre cause  che hanno motivato la scelta di 6 milioni di elettori marocchini alle legislative 2011, prime elezioni dopo il restyling della Costituzione del luglio scorso.

In seguito all’importante successo del PJD nelle legislative in Marocco, si potrebbe pensare ad un voto dovuto all’onda d’urto creato dalla primavera araba  che ha visto l’emergenza di un islamismo politico come forza sul quale credere e contare. Certo, il successo del “modello turco”, coniugato al successo di Ennadha in Tunisia e la futura vittoria dei Fratelli Musulmani in Egitto, verosimilmente ha donato delle idee agli elettori marocchini. Tuttavia, l’ampiezza della vittoria del PJD (1/4 dei seggi), in un paese che non è inscritto in una logica rivoluzionaria ma piuttosto evoluzionaria, nell’immagine di integrazione del PJD nei campi della politica (contrariamente a Ennadha in Tunisa a ai Fratelli Musulmani in Egitto che erano esclusi dalla politica), lascia pensare all’esistenza di altre motivazioni dietro alla scelta degli elettori nel votare PJD. In primis, si tratta di un voto-sanzione al governo uscente dopo un bilancio scarso dei partiti della Koutla (Unione Socialiste delle Forze Popolari, Partito per il Progresso e il Socialismo, Partito dell’Istqlal) che hanno gestito gli affari del paese dal 2007. I problemi di disoccupazione, di povertà, di corruzione e di ineguaglianze sociali hanno certamente esasperato i marocchini. Gli elettori hanno perso  fiducia nei partiti politici che rappresentavano, ai loro occhi, a lato dei fedelissimi e degli apparati del Palazzo, i principali  responsabili del sotto-sviluppo del paese.  Poi, gli eletti del PJD hanno fatto valere la loro “verginità” politica (nessuna partecipazione ai governi precedenti) e la loro moralità tutta islamica, vendendo un certo proibizionismo tanto ricercato dagli elettori, riscaldati da decenni di corruzione e di nespotismo, senza parlare delle false promesse. Il PJD ha offerto un corpo elettorale meno esposto all’usura  e agli scandali, importanti dettagli che invece sono storia negli altri partiti. Oltre l’88% dei candidati a queste elezioni si sono presentati per la prima volta, ma nella struttura dello scrutigno attuale, solo le teste di serie delle liste contano realmente, vedi vecchi notabili di regime, specialmente nei partiti della Koutla e del G8 (raggrupamento di partiti centristi riunitisi per fare opposizione al PJD). Il partito islamico rappresenta l’alternativa meno corrotta agli occhi degli elettori marocchini che hanno deciso di tentare l’esperienza e regalare una chanse ad una nuova alternanza, questa volta  nata da una base popolare.  Dal loro canto, i candidati del PJD hanno fatto prevalere la lotta alla corruzione (sistematica e radicata nel tessuto sociale del paese) come il loro principale credo. Un messaggio che ha trovato un largo consensus tra gli elettori perchè semplice. La semplicità è stata il fattore determinante sull’efficacia della loro campagna elettorale. I rappresentanti del PJD, dalla sua nascita, hanno sempre adottato un discorso semplice e molto vicino alle preoccupazioni quotidiane nei differenti strati della società marocchina. Hanno comunicato con la maggioranza dei cittadini evitando un linguaggio foriero di ideologie e di termini tecnici come invece hanno fatto gli altri partiti; fattore percepito dai cittadini come “snobismo politico e sociale”.  Al contrario, si sono appoggiati su di un discorso moralista verso la vita politica con referenze e simbologie religiose, eliminando dai loro discorsi le condanne ai Festival musicali o ai concerti di Shakira, promettendo di non voler proibire il consumo di alcolici, ma insistendo perchè la  libertà di coscienza non figuri nella nuova Costituzione. Dichiarando di non voler entrare nella vita privata dei marocchini, hanno messo in primo piano  la loro volontà di ristabilire la giustizia sociale, la lotta contro la corruzione, il combattere l’economia capitalista, conoscendo a priori che la lotta contro la cattiva governance è stata la principale rivendicazione dei manifestanti marocchini. Infine, il successo attuale non è solo il risultato di una campagna elettorale di qualche settimana, ma il frutto di diversi anni passati “sul campo”. In questo senso, il partito islamico è riuscito a costruire una base popolare solida grazie alle sue opere sociali e di carità (vedi Fratelli Musulmani). Occupando il terreno sociale trascurato dallo Stato, ha costituito un vivaio di voci riconoscenti che non possono fare altro che produrre della riconoscenza, sostenendo il partito in toto. Questa strategia sociale di “vicinanza” è già stata testata in altri paesi, dalla Palestina con Hamas arrivando al Ennadha tunisino, passando per i Fratelli Musulmani in Egitto. Senza dimenticare che i pidjisti partecipano alla gestione del paese a livello locale sin dal loro debutto negli anni 2000. Il loro bilancio resta, malgrado qualche caso, molto apprezzato dai cittadini che vivono in piccoli comuni e dalle collettività locali gestite dagli eletti del PJD, cosa che ha incoraggiato a votarli in massa. Questo spiega in gran parte la solidità della loro base elettorale che ha loro permesso di raccogliere mezzo milione di voti contrariamente ad altri partiti dove la debolezza della loro base li ha resi più vulnerabili alle congiutture e ai cambiamenti di opinione.  Senza dimenticare che il PJD ha svolto una campagna elettorale moderna facendo un buon uso delle nuove tecnologie dell’informazione ad immagine e somiglianza di quelle usate dalle rivolte arabe. Contrariamente ad altri partiti, non si sono accontentati dei meetings popolari e/ o tradizionali e al volantinaggio, ma hanno utilizzato Internet e i network sociali  per diffondere i loro messaggi toccando così altri target di elettori, in primis i giovani. Ricordiamo qui che il PJD è il partito che dispone del più importante sito web politico tra tutti i partiti concorrenti e che è il solo a possedere una radio sul web. Se l’ascesa degli islamisti era nell’aria da tempo, cio’ non toglie che offrendo la maggioranza dei voti al PJD, i marocchini hanno voluto inviare un segnale forte e chiaro a tutte le forze poltiche del paese, che devono scegliere la competenza  e la serietà nella loro pratica politica a discapito del titolo nobiliare, eredità, posizione sociale e quant’altro. Il PJD sarà all’altezza dela fiducia accordatagli dal popolo marocchino? Solo il futuro potrà dirlo.

WEBCredits -Afrik.com –  Hicham El Moussaoui analista politico –  Un Monde Libre

29/11/11 – POST SELEZIONATO DA PAPERBLOG PER LA PRIMA PAGINA ED EVIDENZATO SULLA PIATTAFORMA FACEBOOK E TWITTER. THANKS!

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...