L’Ombra della Luce (in arabo)

Il Maestro quando canta in arabo tocca le più alte vette della poesia sufista….qualche minuto di Bellezza nel caos della Vita.

Difendimi dalle forze contrarie,
la notte, nel sonno, quando non sono cosciente,
quando il mio percorso, si fa incerto,
E non abbandonarmi mai…
Non mi abbandonare mai!
Riportami nelle zone più alte
in uno dei tuoi regni di quiete:
E’ tempo di lasciare questo ciclo di vite.
E non mi abbandonare mai,,.
Non mi abbandonare mai!
Perchè, le gioie del più profondo affetto
o dei più lievi aneliti del cuore
sono solo l’ombra della luce,
Ricordami, come sono infelice
lontano dalle tue leggi;
come non sprecare il tempo che mi rimane.
E non abbandonarmi mai…
Non mi abbandonare mai!
Perchè, la pace che ho sentito in certi monasteri,
o la vibrante intesa di tutti i sensi in festa,
sono solo l’ombra della luce.

Il testo è tratto dal Libro Tibetano dei Morti.
Tante lingue, un unico Dio.

Concerto in Baghdad – 1992

Annunci

9 risposte a “L’Ombra della Luce (in arabo)

  1. Lui…amato a Bagdad come se fosse uno di loro…Lui, un uomo illuminato dal quale dovremmo sempre prendere la Luce che diffonde…

      • Scusa Roberto ma chi ha parlato o fatto paragoni? Non capisco comunque se reputi Battiato meno importante di André o Tenco nel panorama musicale italiano….o viceversa….

  2. meno meno molto meno,,di un lauzi,,,,e quei ntanti genovesi che hanno marcato una generazione ,,,e ancora oggi a distanza di anni i nostri figli,,,ne riscoprono,,,continuo ,,,continuo,,,,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...