Marrakech: serata di raccoglimento e preghiera sulla Place Jemaa El Fna.

E’ stata organizzata ieri sera alla Place Jemaa El Fna, in segno di solidarietà e di compassione, una marcia silenziosa che ha raccolto centinaia di persone di tante nazionalità presenti in questi giorni a Marrakech. La marcia ha visto la partecipazione del Ministro del Turismo e dell’Artigianato, Yassir Znagui, il Presidente del Consiglio regionale del Turismo (CRT), oltre a diversi rappresentanti delle associazioni del settore turistico. La marcia è partita dalla spianata della Koutobia in direzione di Arsat L’bilk, attraversando la mitica Place Jemaa El Fna, prima di fermarsi davanti al Caffè Argana, luogo dell’atto criminale ignobile. Centinaia di quadri e impiegati dei diversi stabilimenti turistici, al quale si sono aggiunti centinaia di marocchini e stranieri, oltre ai tanti lavoratori della Place, hanno sfilato con in mano bouquet di fiori e il ritratto di SAR Mohammed VI, avvolto nella bandiera nazionale. Dopo la recita della Fatiha per il riposo eterno delle anime delle vittime, i partecipanti hanno deposto tantissime corbeilles di fiori davanti al luogo del dramma e hanno liberato decine e decine di colombe bianche in segno di solidarietà con le vittime e i loro famigliari. “Questa presenza, testimonia ancora una volta la forte mobilizzazione dell’insieme del popolo marocchino, dei responsabili e degli operatori turistici, di SAR Mohammed VI che ieri si è recato negli ospedali e sulla Place Jemaa El Fna, per dimostrare ai nemici del Marocco che niente e nessuno potrà frenare il processo democratico e il rafforzamento delle libertà in corso”, ha dichiarato poi il Ministro del Turismo. Sempre il Ministro Znagui ha rilevato che “il Marocco è un paese prospero e lo sarà ancora di più nell’avvenire, osservando che la determinazione di tutti i marocchini è ancora più solida, per dimostrare a tutto il mondo che malgrado i tentativi odiosi dei detrattori, Marrakech sarà sempre una delle destinazioni turistiche migliori al mondo. Secondo il Ministro, “questo atto non avrà nessun impatto negativo sul settore turistico e la citta ocra sarà ancora più forte e più frequentata, congratulandosi delle tante manifestazioni di solidarietà  ricevute dai turisti stranieri, che contano anche oggi di raggiungere Marrakech, oltre ai numerosi Tours Operators mondiali che non hanno fatto mancare la loro fiducia per la Ville Rouge. Il Presidente dell’Associazione delle Industrie Hôtelière (AIH), Salah Eddine Naciri, ha osservato che la visita di SAR Mohammed VI suoi luoghi della tragedia ha dimostrato a tutto il mondo quanto sia eloquente lo spirito popolare di solidarietà e quanto il Marocco sia forte nella sua mobilizzazione dietro al suo re.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...