Marocco: Più Trasparenza Please!

L’annuncio è arrivato all’inizio settimana e riguarda il patnerariato tra il Gruppo Addoha e l’Agence des Logements et Equipements Militaires (ALEM), annuncio che ha sorpreso molti, ancorpiù in un momento storico come questo, che vede il Maghreb e il Marocco alle prese con proteste e manifestazioni che mettono in luce la corruzione sistematica e il clientelismo diffuso. L’accordo porterà alla creazione di una società comune in carico di costruire 37.000 appartamenti  che andranno a profitto del personale militare e civile dell’amministrazione della Difesa Nazionale, a Casablanca, Oujada e Kenitra. In cambio, Addhoa diventerà proprietaria di 280 ettari in pieno centro città a Casablanca, dove costruirà alloggi residenziali. In pieno dibattito sulle relazioni tra il potere e la finanza, questo accordo suscita molti interrogativi:

1) Nessun concorso e/o appello è stato lanciato per scegliere l’impresa che si unirà ad ALEM per costruire gli alloggi militari. Solo   una consultazione è stata lanciata, con tutti i dubbi che possono intervenire su di un accordo di tale ampiezza.

2) Alcuna autorizzazione del Ministero delle Finanze è stata, al momento, pubblicata sul Bollettino Ufficiale. L’ALEM è uno stabilimento pubblico ed è sottomessa ad una autorizzazione prima di creare un impresa comune con un patner privato.

3) Alcuna cifra concernente l’accordo è stata pubblicata, malgrado il fatto che Addoha sia una impresa nazionale. Le regole elementari della comunicazione finanziaria esigono una pubblicazione di queste cifre affinchè gli analisti finanziari possano attualizzare i bussiness-plan dell’impresa. Si tratta certamente di un accordo con un agenzia a vocazione militare (quindi a carattere sensibile), ma si parla di 280 ettari di terreno nel centro  di Casablanca, con un valore stimato in miliardi di DH, e non di aerei da caccia o carri d’assalto. Ma in Marocco, non è il CDVM (autorità di regolamentazione finanziaria) che suona il campanello d’allarme davanti a questi tipi di annunci? Il suo direttore generale è persona reputata molto vicina a Majidi e Bouknadel (DG della SNI), ed è probabile che  non farà altro che seguire i diktat venuti dall’alto.

Con queste condizioni  di patnerariato, opaco e  etereo, non è assurdo vedere il ricchissimo uomo d’affari Miloud Chaabi, manifestare il 20 febbraio scorso, chiedendo più trasparenza ed equità nelle attribuzioni dei mercati pubblici, e di non accordare privilegi a numerose imprese, connesse in una maniera o in un altra, alle alte sfere dello Stato.

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...