Humanitas

Ho temporaggiato a comunicarvelo, forse perchè il mio rispetto verso i deboli va oltre, forse perchè sino a qualche ora fa non sapevo ancora di partire, forse perchè mi sembra ancora tutto lontano. Il 2 gennaio partiro’ per un lungo viaggio, via terra, che toccherà il Sahara Occidentale, la Mauritania, il Mali, il Burkina Faso e (forse) il Senegal. Non sarà una vacanza ma un viaggio di scoperta e di aiuto verso delle popolazioni che hanno bisogno di noi. Africa martoriata, da sempre, con un solo colpevole: l’Occidente. Questo viaggio sarà l’occasione per capire delle differenze, per tastare il polso di una situazione che è ben diversa da quella marocchina, per comprendere i limiti di territori mentalmente lontani, ma in realtà cosi’ vicini alla mia quotidianità. Sarà un viaggio lungo dicevo, che mi riporterà a Marrakech verso la fine di gennaio, sicuramente cambiato, come non so. Porteremo medicinali, alcune autoambulanze, un 4×4, e partirà il progetto per costruire un ambulanza fluviale sul Niger, che aiuterà molte persone ammalate a spostarsi verso l’ospedale più vicino, non raggiungibile via terra da questi villaggi rivieraschi situati tra Koriantzè e Mopti. E poi ancora Nouadhibou, Nouakchott, Ayoun, Bamako, Djenne, Douentza, Ibissa, Bandiagara, Ouagadougou, ecc…  Prima pero’ di attraversare il confine mauritanense vedro’ i miei adorati bambini di Guellim (Sahara Occidentale). Il progetto avanza e per il prossimo anno (soldi permettendo) si potrà aiutarli fattivamente con la ristrutturazione dell’Associazione, costruire un nuovo bagno specifico per le persone diversamente abili (oggi dispongono di una turca e di un lavabo), un bus che potrà trasportarli con facilità, e poi ancora dei corsi di musica, la fisioterapia, le visite mediche neurologiche. Questo progetto lo porto nel cuore. Questi bambini hanno dei gravi problemi mentali e motori, oltre all’enorme problema di una condizione famigliare disagiata. L’Associazione , senza alcun mezzo, cerca di aiutarli quotidianamente ospitandoli nei suoi angusti e fatiscenti spazi (3 aule scolastiche, una piccola cucina, 20 mq di spazio comune) riuscendo, a prepare loro un colazione a base di the e pane e un pranzo che potrei definire essenziale (la carne non è mai presente sulla tavola). Il segretario di questa Associazione che si chiama “Centre Bab Sahra de l’Education e la Formation e la Rehabilitation pour les enfants handicapè“,  ha da sempre un pensiero fisso: potersi occupare di tutti i bambini handicappati della regione di Guelmim, che sono stimati in 400 unità, ma sicuramente sono di più in quanto molte famiglie “nascondono” questi piccoli per la vergogna. Jellik Mohamed Ali, il segretario (anche lui con un grave handicap), sogna. Sogna degli “ateliers di formazione“, una minima possibilità di inserimento nella società e rendere questi bambini un giorno parzialmente autosufficienti. Forse il sogno si avvererà, il progetto Bambini nel Deserto chiamato “I bambini di Guelmim” è partito, si stanno raccogliendo i fondi dalle donazioni private, e anche da voi che mi leggete, se volete. Per far si che il sogno di una piccola comunità diventi realtà, per fare in modo che questi bambini abbiano un futuro migliore, dignitoso, con qualche aspettativa. Tra una manciata di giorni partiro’, portero’ con me il prezioso notebook, cercando di restare in contatto con tutti voi, scrivendo della mia esperienza quotidiana. Sarà un giornale di bordo, perchè desidero farvi entrare in questa  avventura, perchè siate con me ogni giorno, per farvi vedere con i miei occhi quello che vedro’, per farvi ascoltare i suoni, le parole, i canti, le grida che io ascoltero’, se lo vorrete.  

 

 

 

 

 

 

Annunci

7 risposte a “Humanitas

  1. Bravo Paolo sei veramente un grande e con un bellissimo cuore.
    Scrivi il tuo viaggio e dai notizie circa la Mauritania che le voci che si sentono sono solo di disagi, ti saluto e ti mando tanti auguri di Buon Natale Fiorenza

  2. Io sarò con te Paolo, sarà un bellissimo viaggio e tu saprai raccontarlo con tutto il tuo grande cuore..Fammi poi sapere come contribuire attivamente al progetto (dove poter far arrivare del denaro)..un bacio grande e buon viaggio.!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...