Le donne del sale di Brikcha.

Brikcha è un comune formato da diversi Douar (villaggi), con case gettate qua e là senza nessuna apparente logica. Si trova alle pendici del Rif, border-line con i primi insediamenti di cannabis della zona e dista 30 km da Ouezzane, nord-ovest del Marocco. Non è zona di passaggio questa ma di sopravvivenza. Qui vivono 1500 anime e ventuno donne del Douar Zerradoune hanno fondato nel 1999 una cooperativa tutta al femminile per l’estrazione dell’unica vera risorsa di questa valle dimenticata: il sale. La Cooperativa si chiama Al Wifak e grazie alla intraprendenza di alcune di loro, testarde e determinate con a  capo Fatima, la presidentessa, donna umile e lavoratrice, la vita sta cambiando. Le sue mani e i suoi piedi sono bruciati dal sale che raccolgono tutte le estati, con un procedimento antico, semplice, di migliaia di anni. Questo villaggio possiede una fonte naturale che produce acqua salata e da secoli solo le donne sono autorizzate a lavorare ed estrarre il sale. Ogni famiglia del douar possiede da sempre una vasca, un piccolo bacino per poter prelevare il prezioso minerale, delimitato  da pietre che servono a contenere l’acqua salmastra.  Un estrazione artigianale, con il sale venduto nei sacchi e trasportato con i muli nei souks settimanali della regione di Chefchaouen. Il sale viene lavorato con cura, manipolato con attenzione, purificato, infine recuperato dopo una settimana di evaporazione naturale. Questo ciclo dura dai tre a quattro mesi, durante tutta l’estate, sotto un sole cocente che brucia i pensieri. Qui il clima è continentale, l’inverno è freddo e le primavere sono tiepide quindi gli unici mesi a disposizione per l’evaporazione sono i mesi estivi. La stagione che sta terminando ha dato buoni risultati attestando la raccolta in 15 tonnellate di sale puro. Se il tempo si manterrà ancora buono le donne potranno continuare il loro sfiancante lavoro e continuare la produzione. Questo sale ha delle caratteristiche importanti quali la ricchezza in minerali e l’alto contenuto di iodio. Oggi l’intraprendenza di queste donne a fatto si che venisse alla luce una linea di sali da bagno con l’aggiunta di piante secche e oli essenziali; tanti gli estratti usati, tutti rigorosamente biologici e le erbe sono coltivate nella zona, come la lavanda, la menta e la verbena. Poi ancora ricette con i fiori d’arancio, il rosmarino e il cumino usato  anche per aromatizzare il sale da cucina.  Ultimi nati i sali da pediluvio e un prodotto per il gommage a base di sale, argilla verde, bicarbonato di sodio e olio essenziale di eucaliptus. Carlo Petrin di Slow Food e Terra Madre, l’altra faccia del Salone del Gusto di Torino,  hanno preso a cuore questa cooperativa e anche quest’anno era presente a Torino per presentare il suo sale bio e i suoi prodotti per il bagno. Un prezioso sale prodotto dalle mani di queste umili e forti donne del Rif,  un arcaica produzione, che si perde nella notte dei tempi.

“”Noi abbiamo bisogno di voi, come voi di noi. Il consumatore europeo non puo’ più mangiare sano, per questo ci puo’ essere una complementarietà tra le due parti: potete aiutarci a realizzare un prodotto di qualità e commercializzabile, ma senza incorrere nella sovrapproduzione. Bisogna mantenere un equilibrio sulla Terra, perchè noi siamo nati dalla Terra e alla Terra torneremo“.

Cooperativa Al Wifak – Douar Zerradoun – Comune rurale di Brikcha – Referente Aziz Bahmad Abdel 00212 66983657 – abahmad@hotmail.com

Annunci

7 risposte a “Le donne del sale di Brikcha.

  1. Ho visto prorpio ora il salone di Torino alla tv, come si chiama la linea dei prodotti e se è commercializzata al Marjane, se lo sai scrivilo così quando vengo in Marocco lo cerco anche al marche.
    Saluti Fiorenza

  2. No Fiore..al Marjane non si trova…mi sto interessando per sapere dove è possibile acquistare questi prodotti..anche per venderli nei miei riads e aiutarle….ti faccio sapere quando ho qualche informazione più precisa… Felice sera…

  3. Prego Bea… provo a rispiegarlo: se sei sulla prima pagina del Blog devi cliccare sul titolo del post, ti esce una pagina solo con il post scelto…in basso, al finale dell’articolo troverai i vari tweet, ecc… e il quadratino I LIKE THIS …a te piace questo post…
    Prova e vedere…..Felice sera…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...