Marrakech Bho Style…

Talitha e Paul getty III - Morocco 1969

Il mio ex lavoro nel campo della moda ha lasciato segni indelebili nella mia psiche e quando si avvicinano i grandi eventi modaioli, vedi le presentazioni di Milano Uomo, le mie dita scorrono febbrilmente alla ricerca di news, immagini e tendenze. Gucci, un nome, una garanzia, mi ha revocato anni lontani, che non ho vissuto ma che mi attraggono follemente, gli anni della Beat Generation e dei bohémien.La collezione di Gucci è ispirata, dice la stilista della Maison, Frida Giannini, a Paul Getty III, rampollo della dinastia miliardaria che ebbe  grande eco durante il suo rapimento per mano della n’drangheta calabrese, e che fini’ con il pagamento di un riscatto miliardario e un orecchio mozzato al poverino. In quel periodo, siamo negli anni ’70 Paul Getty III viveva a Roma e vendeva catenine e bracciali in Campo de’Fiori. Fighetto e hippy, io aggiungo bohémien. Poi continuo’ la sua vita di zingaro glamour tra Parigi, Londra e Marrakech alimentando leggende orientali e fasti di altri tempi. Questo stile di vita, è stato portato agli allori da Sienna Miller e Kate Hudson che l’hanno definito “Haute Bohemia” o “Bohéme di Lusso“. Non si tratta di hippy che hanno vissuto Woodstock e tantomeno hanno vissuto in comunità..troppo rustico per loro; vestono con look di Yves Saint Laurent  vintage o trovano i loro capi nei souks  di Jean Bouquin. Indossano le trasparenze di un cotone egiziano sul corpo nudo o libere in un jellaba o caftano candido, aggiungendo un turbante di seta che scolpisce i loro capelli ribelli. E per finire decine di bijoux etnici, al collo, ai polsi e alle caviglie.  Nel pantheon delle eroine ( e eroi) di queste genere troviamo anche Mymsi Farmer, drogata magnifica in “More” di  Barbet Schroeder ma anche la moglie di Getty III, Talitha Getty, icona dello stile hippy e bohémien, eccentrica inglese dalla vita “junkie-set” che si svolgeva nei Riad di Marrakech. Da fondale a tutto questo pensate al film di Michelangelo Antonioni, “Zabriskie Point” con le sue atmosfere surriscaldate, perfetto per questa tendenza/life-style. Talitha e Paul Getty III vivevano nel superlativo Riad Zahia, passato poi di mano ad Alain Delon e in seguito al filosofo  Bernard-Henry Lévy. Un decoro da Mille e una notte e amici importanti frequentavano i suoi interni e le sue camere da letto: Marlon Brando, Winton Churchill, Truman Capote, Brian Jones, la misteriosa Lavinia di Roma (scrivero’ un post su questa figura enigmatica degli anni ’70 a Marrakech) e Maurice Ronet, assemblati in feste che a Marrakech ancora se ne parla. Talitha Getty, magnifica e sulforea donna trovo’ poi la morte , a trent’anni, in una camera d’albergo a Parigi, in preda al “mal di vivere“.  Le cronache la definivano una donna dalla pelle diafana, colore delle perle più rare, golosa di liason clandestine, ricercate con passione nei vicoli della medina di Marrakech. Una regina di bellezza che privilegiava uno stile di vita delabré, volutamente stinto e fané, ma con la classe dei particolari che contraddistingue le icone. Paul Getty III amava indossare, nella bellezza dei sui venti anni blazeer  raffazzonati, indossati a pelle e impreziositi da foulards annodati al collo che si amalgamavano a splendide collane di fattura berbera acquistate nel souk di Mouassine. E poi a tracolla le famose sacche di Marrakech, in pelle di montone usurate dal sole e dal tempo, ancora oggi dei veri magazzini pronto uso di tanti effetti personali, Moleskine e bottigliette di acqua Evian obbligé. La colonna sonora ideale di questo bohémienne chic è Joni Mitchell, “Boho Dance” del 1975, ispirata dal libro “Painted Word” di Tom Wolff. Oggi l’idealismo e la ribellione degli hippy appartiene al passato, ovvio, resta un stile di vita che piace, con le opportune modifiche e che incanta le generazioni.

5 risposte a “Marrakech Bho Style…

  1. Ciao Paolo a proposito di discorsi modaioli ho visto sex and the city 2 girato in Marocco, il film meriterebbe di essere visto solo per i vestiti indossati dalle protagoniste che sono incredibilmente eleganti e ricercati anche se non sono modelle estoni di 20 anni. So che non è piaciuto agli islamici ma a mio avviso è un film piacevole.

    Per quel che riguarda la location si vede benissimo che sono a Marrakech le mura rossa delle medina, il souk tipicamente marocchino strade strette e buie.il muro vecchio della citta’ rossa si riconosce quando hanno comprato le scarpe dove carrie ha dimenticato il passaporto.

    Le lampade che ci sono nei locali si vede che sono quelle made in Meknes con i 4 angoli che richiamano le citta’ imperiali…qualche errore lo hanno fatto anche perche’ Dubai ha costruzioni molto piu’ alte e reception piu’ grandi ed ampie… Vedendo la hall si riconosce che è il tipico patio dei riad marocchini etc..se uno è un intenditore del Marocco le nota queste ” sviste” dello sceneggiatore.

    Devo ammettere che per quel che riguarda i costumi hanno fatto il massimo…si vede che sono tessuti di pregio…
    Buona serata!

  2. Ciao Bea, sono andato anche io a vederlo, qui a Marrakech….la sala era piena di gente davvero….alcuni scene erano decisamente “forti” come quella dell’erezione del tipo nei pantaloni di lino bianchi, con in fronte il fondamentalista e la moglie velata da capo a piedi, mi hanno lasciato un po’ basito… 🙂
    Film piacevole…Marrakech era inconfondibile….

  3. Pingback: Shooting “desert chic” by Gucci. « MY AMAZIGHEN…LAST EXIT..MARRAKECH!·

  4. C’è un errore. L’unica moglie di Jean Paul Getty III , che faceva l’hippy a Roma, era ed è Martine Zacher. Talitha Pol (che era indonesiana di Bali e non inglese) era una delle sue matrigne, cioè delle mogli di Jean Paul II, che è il tipo che appare nel dipinto e non assomiglia minimamente a Jean Paul III. Potete trovare tutte le notizie relative in Internet

    • Valerio grazie per la precisazione…queste informazioni sono partite dalla press release di Gucci e poi ho trovato sugli annali di Marrakech questi dati, ho ancora ricontrollato e mi danno a titolo dele varie feste, scandali, rumors in Marrakech, la coppia Paul Getty III e Talitha… la prima immagine in alto e relativa a Paul Getty III e Talitha sul terrazzo del loro Riad a Marrakech..grazie ancora….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...