FIFM 2009 NEWS

Le prime opere di apertura saranno Heliopolis di Ahmad Abdallah (Egitto), Leo’s Room (El cuarto del Leo) di Enrique Buchichio (Uruguay), Love & Rage di Morten Giese (Danimarca), My daughter di Charlotte Lim (Malesia), Northless (Norteado) di Rigoberto Perezcano (Messico), Nothing Personal di Urszula Antoniak (Paesi Bassi), Qu’un seul tienne e les autres suivront (Silent Voice) di Léa Fehner (Francia) e True Noon di Nosir Saidov (Tadjikistan). Ugualmente in lizza per la Stella d’Oro in questa 9a Edizione i films Io sono l’Amore di Luca Guadagnino (Italia), Les barons di Nabil Ben Yadir (Belgio), The man who sold the world di Swel e Imad Noury (Marocco), Woman without piano di Javier Rebollo (Spagna), Symbol di Matsumoto Hitoshi (Giappone) , Tokio Taxi di Kim Tai-Sik (Corea del sud)  e infine The good hearth di Dagur Kari (U.S.A). La Fondazione del FIFM comunica che la scelta dei film in competizione ha cercato di individuare la realtà di un mondo dove si offre la possibilità di un cambiamento, permettendo agli spettatori di trovare il piacere della speranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...