Carota & Bastone

benmoussaIl Ministero dell’Interno mette i puntini sulle I. Dopo aver rifiutato la domanda di installarsi in Marocco dell’ONGNe Puttane ne Sottomesse“, il dipartimento di Chakib Benmoussa reagisce anche, senza menzione diretta, alla recente uscita mediatica del responsabile di “KifKif“, ONG in difesa degli omosessuali marocchini (vedi anche alla Cat.Sociale). “Si è constatato in questi ultimi tempi che alcuni voci si elevano, attraverso i media, con l’intento di fare apologia di certi comportamenti IGNOBILI, che costituiscono una provocazione per l’opinione pubblica nazionale senza tenere conto dei valori morali e dottrinali della nostra società“, rileva il ministro dell’Interno. Evocando poi i libri sciiti, e tutti gli scritti “che portano attentato ai nostri valori religiosi e morali“, Benmoussa esprime la sua ferma determinazione a questa sua battaglia “‘quasi personale”. Sul soggetto dei libri sciiti, il potere pubblico è attualmente impegnato in una campagna vastissima contro la commercializzazione di libri sciiti sul territorio nazionale (vi ricordo che il Marocco segue la corrente sunnita e più precisamente il rito Malekite). Questa operazione è intervenuta sullo sfondo della crisi diplomatica tra Rabat e Teheran (vedi anche alla Cat.Sociale), accusato di portare attentato al rito Malekite, adottato appunto dal Reame, con la diffusione e la promozione di ideologize sciite. Davanti al proselitismo sciita iraniano, coniugato all’uscita pubblica dell’ONG “Ne Puttane Ne Sottomesse” e “KifKif”, il Ministero dell’Interno si appella, oltre alla mobilizzazione del potere pubblico, a coniugare gli sforzi di tutte le componenti civili. L’obiettivo, precisa il comunicato, é di “preservare la sicurezza morale del cittadino e di immunizzare la nostra società contro tutti i comportamenti irresponsabili che sono agli antipodi della sua identità e dei suoi valori civili“. Nello stesso comunicato il Ministero degli Interni ricorda che “il servizio di polizia e le autorità amministrative vigilano e lottano contro tutte le manifestazioni di deriva morale, prendendo misure adeguate e disposizioni necessarie ai piani preventivi e repressivi, intervenendo quotidianamente in caso di bisogno per reprimere gli autori di tutti gli atti attentatori al costume a alla morale“.

I fatti in ordine cronologico: Uscita mediatica della Presidente franco-maghrebina Siham Habchi dell’ONGNe Puttane Ne Sottomesse“, con base a Parigi, in difesa dei diritti delle donne arabe. In parallelo l’uscita mediatica del responsabile dell’Associazione omosessuale “KifKif“, Samir Bargachi, ONG con base a Madrid che ha voluto uscire allo scoperto e rivendicare la propria identità alla società marocchina. In ultimo il lancio da parte del Ministro degli Interni di una operazione destinata al sequestro di libri e altri scritti che promozionano, in Marocco, l’ideologia sciita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...