Hello Taxi!

Da una blogger di Marrakech:

Non é sicuramente quello che si puo’ chiedere ad un autista di taxi marrakchi, che non si degna neanche di guardarti, perché tutto nel loro comportamento ti fà comprendere che sono  benedetti da “Dio” e che all’occorrenza non vogliono fare la “Fitna” (trad. terrorismo in senso lato e non) con una donna. Ma ci provo. Anche quando tu domandi loro di condurti in un dato luogo, parlano la lingua degli asini abbassando la testa per dire si e, girando la testa a destra e sinistra, per dire no. E quando tu dici:”per favore vorrei scendere qui“, si é appena in tempo per evitare che ti gettino giù dal taxi senza pensare che molte persone hanno problemi di mobilità, e si, io ho un problema di mobilità.. Guardano molto scrupolosamente il denaro che gli date ma mai un solo grazie, choukrane o thank you, niente, rien, nothing, nada..! E non vi parlo di quelli che cercano di “caricarti” perché non avete il velo e siete bionda e vi fanno capire che l’affare é fatto, che sono pronti..! Io non vorrei parlare di quelli che vi prendono in ostaggio nel loro taxi e vi obbligano ad ascoltare la lettura del Corano, durante tutto il tragitto della corsa, diffuso da una sgangherata radio gracchiante con il volume a mille…. Io non vorrei parlare di certi autisti di taxi che non esitano a prendere altri passeggeri e che vi “gettano” fuori dal loro veicolo, senza alcun riguardo per la distanza restante che si deve percorrere… Io non vorrei parlare dello stato di igiene di certi autisti, con  bocche piene di tunnel e vi presentano un sorriso che sembra veramente di poterci entrare in quei tunnel, come dentro ad un delizioso formaggio svizzero. Non voglio nemmeno parlarvi di quegli autisti che hanno le mani talmente sporche che quando vi danno il resto non osate nemmeno toccarle, ma forse questo é un escamotage per non rendervi il denaro..! Per quanto concerne i veicoli si trova di tutto, numerosi sono quelli fuori legge, io credo. Da un anno prendo tutti i giorni il taxi a Marrakech; ho avuto il piacere, una sola volta, di prenderene uno pulito come se fosse nuovo, con un autista vestito in maniera impeccabile, di una amabilità talmente rara che mi sono sentita in dovere di fargli i complimenti. Ho conosciuto questo autista in un momento di disperazione dopo che mi avevano rubato dei documenti importanti ed é stato molto comprensivo e pieno di sollecitudine nei miei riguardi..Grazie Signore, non vi dimentichero’. A quando una nuova generazione di autisti di taxi, simpatici, sorridenti, accoglienti, credete che sarà possibile un giorno per la “Marrakech del popolo ?”.

Kalima Arbouche

Aggiungo io: a quando potremo vedere i taxametri funzionare e a quando un occidentale avrà il diritto di pagare la stessa somma che paga un marocchino? Perché due pesi e due misure sempre e comunque?. A quando non dovro’ più sentire dai miei ospiti che un taxista ha fregato loro dei soldi sulla corsa? A quando non dovro’ più sottostare al ricatto del “sino a quel quartiere non ci vado, se vuole mi dia…..DH? A quando? Nel frattempo prendo la bicicletta!!!

9 risposte a “Hello Taxi!

  1. Caro Paolo,
    sono a letto influenzato ,allora per passarmela sono andato a vedere i tuoi vecchi post.
    Non vorrei fare di tutta l’erba un fascio, ma in generale la categoria dei taxisti nei paesi in via di sviluppo assume dei comportamenti, diciamo, uniformi.
    Dall’India, alla Siria, all’Iran… e via citando la musica non cambia molto.
    Proprio a Marrakech mi sono imbattuto nel taxista più gentile:era il 1994 ed io giacevo affetto dalla solita infezione intestinale in un torrido letto del Gran Hotel(si fa per dire)Tazi.
    Era un giorno festivo e la mia compagnia(tutt’ora)ha dovuto prendere un taxi per cercare una farmacia aperta.Dopo lungo peregrinare ne hanno trovata una nel quartiere delle PalmerAIE.Il taxista l’ha aiutata nella traduzione col commesso(il farmacista non c’era)e dopo più di un’ora sono tornati.
    Il taxista non ha voluto niente, sapendo che ero malato
    Io in pigiama sono corso giù per ringraziarlo ma se ne era già andato:era anziano e guidava una (con rispetto parlando)fiat ritmo(era già vecchissima nel 94)

  2. scusa mi sono dimenticato di salutarti e di rinnovarti i complimenti per il magnifico blog:insieme ad un altro sono gli unici che compulso giornalmente.

  3. ciao a tutti,dopo aver letto quanto sopra devo considerarmi davvero privilegiata ad aver incontrato Mustafà…è un taxista giovane,ben educato,assolutamente disponibile a qualsiasi aiuto,con macchina pulita e decorosa…ormai io chiamo sempre e solo lui anche dall’italia quando deve venire all’aereoporto a prendere me o i miei parenti…certo,tutto questo ha un prezzo un poco più elevato della norma marocchina,ma ne vale sicuramente la pena,considerando i prezzi dei taxi nelle nostre città che,tra l’altro,non hanno neanche la stessa disponibilità…sono dell’avviso che la gentilezza vada premiata sempre ed io non perdo occasione di premiare Mustafà per la sua.
    Se si continua a fare di tutta un’erba un fascio si dà una visione delle cose non proprio esatta…saluti Tina

  4. Tina buongiorno, reputati non solo fortunata.;di più..e tieniti bene stretta Mustafà….io purtroppo, e non solo io, ma molti ospiti del mio Riad, abbiamo vissuto esperienze poco gratificanti…..dopo 5 anni posso pensare di conoscere abbastanza il bene il mercato dei Taxi….ovviamente se uno è disposto a pagare il doppio del normale tutto fila liscio come l’olio….e poi è una questione di civiltà..perchè i tassametri non devono funzionare, Mai??? e quando ci sono europei il prezzo lievita?? Io sono arrivato al punto di non prendere più il taxi è giro a Marrakech con la bicicletta.;evito di farmi male e sono indipendente…poi sicuramente qualcuno di gentile e disponible sui migliaia di taxisti si puo’ trovare..questione di fortuna..

  5. Ciao Anafi, bentornato….era da un po’ che non ti sentivo……grazie per la fedeltà……mi fa veramente molto piacere…..davvero….spero anche un giorno di incontrarti davanti ad un bel bicchiere di the alla menta a ciarlare in diretta……..

  6. Caro Paolo,
    l’ultimo the alla menta come si deve me lo sono preso in un infimo(ciascuno ha i suoi gusti…e ci si prende le infezioni intestinali!)bar della piazza centrale di Taraoudant, mi farebbe un immenso piacere condividere il prossimo con te.
    Peccato che le sfighe della vita che mi hanno costretto a rimpatriare(una normale , umida, città emiliana)mi impediranno per molto tempo di esaudire questo mio desiderio.
    Poi io,amante della bici, stravederei per una bella sbiciclettata a M….mi immagino come i taxisti(per non essere off topic)rispettino i ciclisti…

    • Quando ti incontrero’ passeremo in rassegna la crema dei locali infimi di Marrakech, sono pane per i miei denti….preferisco quelli….. che i locali alla moda….anzi ti portero’ da un tipo che ci servirà il the seduti per terra ascoltando da un mangiadischi scalcinato delle musica araba anni ’60…prometto…. centrato l’obbiettivo…i taxisti ci detestano…..:-))
      Ti aspetto..presto o tardi…nel frattempo mi organizzo……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...